Fammi indovinare: per il 2018 hai una lista più o meno lunga di cose da fare e di obiettivi da portare a termine?

La pianificazione è uno degli strumenti più efficaci per raggiungere gli obiettivi. Da oltre 25 anni mi occupo di Leadership e avendo lavorato con oltre 400.000 persone di ogni tipo, ho visto chiaramente che la capacità di pianificare in modo efficace il proprio futuro è assolutamente essenziale. Si tratta di una vera e propria capacità strategica che divide chi raggiunge risultati da chi non li ottiene.

Quasi 20 anni fa ho scoperto questo sistema assolutamente straordinario per pianificare il nuovo anno e da allora non solo lo utilizzo personalmente, ma l’ho fatto adottare anche a tutti i miei Coach e ai miei collaboratori. Oltre ad essere già stato testato per migliaia di persone, la caratteristica unica è che grazie ad una completa pianificazione strategica ti permette di avere una visione globale di tutte le aree più importanti della tua vita.

In questo modo puoi finalmente decidere i risultati che vuoi ottenere senza sacrificare altri aspetti importanti. Sì perché non c’è niente di peggio che raggiungere dei grandi risultati professionali e poi perdere o sacrificare gli affetti. Che senso ha aumentare il fatturato, ma perdere la famiglia o gli amici? Che senso ha vivere costantemente sotto pressione per rispondere agli “altri” e magari non accorgersi che i figli e il partner hanno veramente bisogno di noi?

Il vero successo è trovare il giusto equilibrio tra le aree più importanti della vita ed è proprio quello che questo sistema ti permette di fare. Così è nato il seminario di una giornata intera e che facciamo insieme ai miei migliori TRAINER ogni anno in ben 18 città d’Italia.

Ecco di cosa parlo…

“Immaginati tra un anno, lo hai appena concluso ed è stato incredibile… Cammini a testa alta e sei fiero di te perché hai imparato quelle abilità che rimandavi da tempo, hai messo la spunta verde ai 3 obiettivi più importanti e smesso, finalmente, di rimandare le cose a cui tenevi di più!”

– Trasforma questo scenario in realtà e raggiungi ancora di più quei risultati che ti fanno venire le farfalle allo stomaco e che sai di meritare.

– Riscatta le sconfitte e gli insuccessi del 2017, lasciati alle spalle gli errori che hai commesso e pianifica il 2018 (nello stesso identico modo in cui lo faccio io da 25 anni), senza nessun timore, per renderlo il tuo migliore anno di sempre!

Scopri come prendere l’invito esclusivo per il seminario “Il Migliore Anno di Sempre” e ricevere tutti i BONUS!

 

“Ho imparato più cose in una giornata come questa che in 10 anni di lavoro. Formatori di qualità e storie di imprenditori di successo. Evento straordinario!” Così Marcello Selleri, imprenditore romagnolo, ha commentato su Facebook la giornata milanese del Business Leaders Day, evento condotto da Roberto Re e dedicato a tutti coloro che vogliono gestire meglio se stessi, la propria azienda e il proprio team.

“Esistono centinaia di piccoli problemi – ha spiegato Roberto, prima di introdurre gli altri speaker invitati – che ogni giorno come imprenditori ci troviamo ad affrontare: dobbiamo gestire un team e dei collaboratori, occuparci dell’amministrazione, saper comunicare con i clienti, mettere in atto nuove strategie per crescere e soprattutto dobbiamo adattarci al cambiamento…”.

Il workshop, in doppia replica a Milano e Padova con circa un migliaio di partecipanti complessivi, è partito da una semplice constatazione: dedicare 16 ore al giorno al proprio lavoro e non avere tempo per se stessi e i propri cari, NON significa avere successo! Come fare dunque per migliorare noi stessi e il nostro business? Come aiutare imprenditori e professionisti ad adattare i propri schemi mentali ai cambiamenti?

Leggendo alcune parti di un recente rapporto del World Economic Forum (WEF) dal titolo «The Future of Jobs» – relative alle competenze da possedere per affrontare la quarta rivoluzione industriale – abbiamo scoperto molte affinità con il lavoro di formazione che da anni Roberto Re porta avanti con il suo Gruppo HRD. Dando per scontate quelle tecniche, sono altri i tipi di Skills che fanno davvero la differenza. Ecco quelle individuate dal WEF, che ha fornito una classifica delle 10 competenze ritenute “vincenti” nel 2020 in chiave business.

1 – Soluzione di problemi complessi
2 – Pensiero Critico
3 – Creatività
4 – Gestione delle persone
5 – Capacità di coordinarsi con gli altri
6 – Intelligenza emotiva
7 – Capacità di giudizio e di prendere decisioni
8 – Orientamento al servizio
9 – Negoziazione
10 – Flessibilità cognitiva

I 5 fantastici ospiti del BLD

Inquadrato lo scenario e i cambiamenti in corso, è stata la volta dei cinque speaker invitati alla giornata di formazione. Persone di grande esperienza nei rispettivi settori, a partire da Matteo Maserati, trainer e coach esperto in comunicazione e public speaking. “Ciò che non viene comunicato, non esiste!” ha spiegato Maserati, che ha battuto il tasto sulla scarsa capacità che imprenditori e professionisti hanno nel descrivere in modo semplice e sintetico la propria attività e i relativi punti di forza. “Spesso comunichiamo senza trasferire valore. Parliamo di noi stessi in modo inefficace, pensando a ciò che ci interessa. Ma così ignoriamo il punto di vista di chi ascolta”.

Collegato a questi temi, l’intervento di Gianluca Lo Stimolo, fondatore e CEO di Stand Out, che ha spiegato al pubblico come trasformare se stessi in un brand, per essere riconosciuti e scelti dal proprio pubblico. “Oggi le persone – ha detto Lo Stimolo – non cercano solo un prodotto o un servizio che permetta loro di soddisfare un bisogno specifico. Non vogliono semplicemente uno smartphone qualsiasi, un paio di jeans qualsiasi… Vogliono l’Iphone, un paio di Diesel… Così come non si cerca più semplicemente un avvocato, un commercialista, un architetto qualsiasi. Si cerca quello più esperto o specializzato in una determinata materia, quello con la migliore reputazione. Le persone cercano qualcuno di cui si possono fidare e a cui si possono affezionare”.

Quando Mirco Gasparotto è salito sul palco del Business Leaders Day, le persone hanno capito quanto sia importante saper scrivere la regia della propria vita. “Proprio così – ha spiegato Gasparotto, con oltre 30 anni di esperienza sul campo che lo hanno portato a vivere e superare ostacoli imprevisti e raggiungere successi straordinari – Io stesso da giovane ho redatto un copione con le aree dove volevo vivere: tutto questo mi ha permesso di mantenere un equilibrio nei diversi ruoli della mia sfera professionale, privata, fisica e spirituale”. Mirco ha affascinato la platea con la sua storia personale, che gli ha permesso di diventare amministratore delegato di un’azienda a soli 25 anni di età. “È sempre possibile cambiare la direzione della vostra vita – ha concluso – si può cominciare da oggi stesso!”.

Gianluca Massini – l’escapologo fiscale che ha sviluppato un sistema che consente a centinaia di imprenditori in tutta Italia, ogni anno, di ottimizzare il carico fiscale – ha stimolato la platea a “marcare da vicino” il proprio commercialista per alleggerire la pressione fiscale e discutere insieme il proprio conto economico previsionale. Massini, autore del libro “Pagare meno tasse si può”, ha parlato dell’importanza di sviluppare la propria educazione fiscale per restare imprenditori di successo, pur rimanendo a fare business in Italia.

Nella parte finale del workshop, Roberto Re ha intervistato Stefano Versace, fondatore dell’omonima catena di gelaterie italiane negli Stati Uniti. “Desiderare qualcosa è come avere un potere magico! – ha detto Versace, che ha raccontato la sua storia imprenditoriale ricca di spunti e motivazione. “Ho aperto la prima gelateria a Miami con gli ultimi dollari che avevo in tasca. In pochi anni ho replicato il modello su grande scala, grazie a un sogno realizzato e a un progetto molto capillare”.

Da Manager a Leader

Una giornata quindi intensa e proficua sotto svariati punti di vista. Con storie concrete e di forte spinta emotiva, grazie anche a domande e risposte condivise con il pubblico, molto attento a prendere appunti e ad approfondire con casi personali. Il seguito naturale di questo workshop è il rinnovato programma di formazione – presentato nei dettagli da Roberto Re – denominato “Da Manager a Leader”.

“Il manager gestisce, il leader guida. Il manager regolamenta, il leader trascina. Il manager è ragione e metodo, il leader cuore e passione – ha concluso Re – Due ruoli difficili da conciliare in un’unica personalità. Due ruoli che BISOGNA far convivere nella stessa persona. Per questo non posso che consigliarvi di cuore l’iscrizione alla prima scuola di leadership dedicata esclusivamente a manager, professionisti e imprenditori, un percorso articolato in 10 incontri tematici per sviluppare tutte le abilità necessarie al giorno d’oggi per essere un vero leader”.

Il Business Leaders Day ha avuto un grande merito, al di là dell’incredibile valore generato da tutti gli interventi: è stato un vero e proprio calcio d’inizio per cominciare a trasformare la paura in azione! Perché imparare a convivere con l’incertezza aiuta ad accogliere il cambiamento. Senza più subirlo, ma iniziando a cavalcarlo.

Alessandro Dattilo

ECCOVI LO STORIFY CHE RACCONTA IL POWER SEMINAR 2017..!!!

Da guardare attentamente per tirarsi su il morale e rivivere momenti belli..!!

 

<<Thanks to Alessandro Dattilo per il suo fantastico lavoro di narrazione e storytelling!>>

Roberto Re

Qualche giorno fa mi sono fermato all’Autogrill Sebino sud (BS) e, complice il fatto che fossi praticamente l’unico sfigato a mangiare un boccone al ristorante self-service alle tre e un quarto passate, ho involontariamente assistito (sarebbe più giusto dire “origliato”!) a una riunione che la Manager dell’Autogrill in questione teneva con le sue collaboratrici, perlopiù signore di mezza età, che lavorano al ristorante.

Da quel che ho capito si trattava di preparare il team per un “audit”, ossia un controllo qualità che sarebbe dovuto accadere da lì a poco… Non sono sicurissimo che l’argomento fosse quello, perché ho iniziato ad ascoltarle a meeting iniziato, di cui ho seguito solo gli ultimi minuti, ma la cosa di cui sono certo è che la Manager era davvero straordinaria nello svolgere il suo ruolo!!!

Presente e accogliente, ma al tempo stesso determinata e motivante, in grado di ascoltare, tranquillizzare, infondere fiducia, fare squadra, dare una vision chiara e una motivazione importante a fare bene il proprio lavoro con professionalità e consapevolezza!

Se poi considerate che parliamo non della “titolare”, ma di un’impiegata di un’azienda enorme e super strutturata (e in modo tradizionale) come Autogrill che si rivolgeva ad altrettante impiegate, che all’apparenza non sembravano proprio delle ambiziose carrieriste, la qualità della sua Leadership e delle sue capacità manageriali, valgono 3 volte tanto!!!

Finito il mio piatto due minuti dopo il termine della loro mini riunione, sono sceso al piano di sotto per bere il caffè e, nel passare nuovamente di fronte al self-service non ho potuto non notare la motivazione, l’energia positiva e l’attenzione che queste donne mettevano nello svolgere le loro attività, oltre alla straordinaria cortesia nei confronti di un gruppo di turisti stranieri appena arrivati.

Allora con occhio un po’ più attento mi sono avvicinato al grande bancone (uno di quelli grossi, con Spizzico incluso) e ho osservato la cortesia, l’educazione e i sorrisi con i quali le 5 persone presenti si rivolgevano ai clienti… Davvero impeccabili!
E poi ho fatto caso al posizionamento delle merci nel punto vendita… Semplicemente perfetto! Tutto ordinatissimo, niente fuori posto di una virgola, una sensazione di cura, di pulito e di ordine, rari da trovare anche in un negozio in centro città!

E da quello che avevo ascoltato pochi minuti prima al piano di sopra, non credo che sia un caso!… La qualità e l’eccellenza nel servizio sono la naturale conseguenza del lavoro di una squadra ben guidata e ben motivata, all’interno di un ambiente di lavoro potenziante. E il principale responsabile di tutto questo è il Leader di quel team: è lui o lei a determinare più di tutti quanto le persone tireranno fuori il loro meglio o il loro peggio.

Nell’uscire mi sono imbattuto nella Manager e non ho potuto esimermi da tenderle la mano:
“Posso farle i miei complimenti?”
“Per cosa?”
“Per come gestisce il suo team!… davvero brava!”
Lei ha fatto un mega sorriso compiaciuto e mi ha semplicemente risposto: “grazie”. Non ha aggiunto altro e ha continuato a svolgere il suo lavoro come se niente fosse.

Bene, io spero che qualcuno in quella mega azienda capisca che valore ha una persona del genere per loro!… Se io fossi stato il titolare di quella attività, sarei stato fiero e onorato di avere in quella posizione qualcuno che mi rappresentasse in quel modo e contribuisse a far vivere ai miei clienti un’esperienza così positiva. E, allo stesso modo, se fossi stato una di quelle donne sedute intorno a quel tavolo, sarei stata felice di avere un “capo” così!

Se hai occhi per vedere, la Leadership la puoi notare e incontrare ovunque, anche nel self-service di un Autogrill… E non necessariamente è meno fulgida e ispirante rispetto a quella del grande personaggio del business o dello sport che con la sua storia e con le sua imprese ispira il mondo intero!

Oggi in quell’Autogrill ho visto un “esempio” di Leadership e ne sono uscito ispirato a far si che sempre di più ogni cliente che entra in contatto con la mia squadra riceva lo stesso tipo di trattamento e possa a sua volta notare l’amore, la cura e la professionalità che io e la mia squadra mettiamo in quello che facciamo!

E tu e i tuoi colleghi e/o collaboratori, che esempio siete per chi vi osserva lavorare?

Roberto Re

 

Per approfondire queste tematiche, e conoscere più da vicino i nostri prossimi appuntamenti, visita la pagina di presentazione del “Leader di te stesso TOUR

Seguici su facebook